C'è differenza tra essere un leader, che guida in virtù dell'autorità che altri gli hanno conferito, e un capo che guida dei subordinati in virtù dell'autorità che ha ricevuto dall'esterno.

Laedership VS Status


C'è differenza tra essere un leader, che guida in virtù dell'autorità che altri gli hanno conferito, e un capo che guida dei subordinati in virtù dell'autorità che ha ricevuto dall'esterno.

Il tema della leadership, per chi come noi lavora con le persone e per la loro crescita, è un tema ricorrente e mai banale. Ne è stato scritto e discusso talmente tanto e in manierà così diversa (e poco corretta, a volte) che la percezione dei “non addetti” ai lavori è molto contrastante. C’è chi legge dietro questa parola il concetto di truffa, inganno e manipolazione e chi invece, consapevole del suo vero significato, cerca di migliorare se stesso per primo.

Oggi ci piacerebbe ristabilire l’equilibrio facendo luce sulle differenze sostanziali tra leadership e status:

  • il leader è colui che guida spontaneamente un cambiamento o un gruppo verso un orizzonte condiviso.
  • lo status, al contrario, conferisce a una persona le condizioni formali utili ad apparire autoritario, rispettato, ricco, etc…

La differenza sostanziale sta, quindi, nella differenza che intercorre tra essere e apparire, tra sapere e saper fare.

Di queste dicotomie ne incontriamo dozzine ogni giorno, ma una delle più note rimane quella professionale. Parliamo della continua lotta tra il “capo” formale e autoritario, non adatto a ricoprire il suo ruolo di professionista e leader, e un suo subalterno, autorevole e riconosciuto dal basso. Parliamo di chi fa del possedere un rolex o abiti firmati la sua identità e di chi, consapevole dei propri valori e delle proprie capacità, non impazzisce dietro lo spettro della prova costume e si mostra serenamente al mondo per ciò che è, senza farsi preda di costruzioni e condizionamenti sociali.
Attenzione: questo non significa che un vero leader non possa avere un fisico scolpito, o che non possa possedere una macchina lussuosa o un bene prestigioso; semplicemente non fa di quell’oggetto o di quella condizione una rappresentazione di se stesso.

Il leader è colui che serve il prossimo per aiutarlo nel suo percorso di crescita, è colui che include perchè crede nel valore dell’unione, è colui che non si dimentica di sè stesso perchè non vuole smettere di imparare e migliorare.

Tu hai mai conosciuto un vero leader? Quali sono le caratteristiche che ti hanno affascinato di più?

1 commenti

Il leader in equilibrio - tecniche di sviluppo personale

Ho scoperto presto che non si può cambiare il mondo. Il meglio che si possa fare è imparare a convivere in equilibrio con esso. (Henry Miller)

palestra

La resilienza: l’arte di accendere la luce invece che maledire il buio

Quando lanciamo una palla a terra o al muro lei rimbalza, cambia per un attimo la propria forma e torna subito al suo stato naturale. Un uomo sa fare lo stesso?

benessere